Uso tantrico della Cannabis

The Tantric use of Cannabis in India

 

In India e in Nepal, la Cannabis ha svolto e continua a svolgere un significativo ruolo religioso (cfr. Campbell, 1893-1894; Touw, 1981).

L’uso tantrico della Cannabis sorse in India attorno al settimo secolo d.C., in base a una mescolanza di dottrine e pratiche dell’Induismo Shivaita e del Buddismo tibetano.

Il Tantrismo raggiunse il suo culmine durante i periodi medievali nei regni di Bengala e Himalayano. V’è chi afferma che è ancora praticato oggigiorno segretamente da intellettuali dell’India del nord. Uno dei più importanti testi tantrici induisti è il Mahanirvana Tantra, composto nell’XI secolo d.C.

Ci sono tre tradizioni indiane che derivano dall’antico culto vedico del Soma e che si intrecciano nelle pratiche tantriche: l’uso cerimoniale della Cannabis, il concetto di bevanda-veleno come atto divino, e le pratiche yoga.

L’uso cerimoniale della Cannabis è attestato già nell’Atharva Veda, e questa pratica è antica quanto quella vedica del soma. Mentre il soma era un sacramento, la Cannabis (bhang) era considerata una pianta speciale usata per scopi magico-sciamanici. L’Atharva Veda cita il bhang insieme al soma, entrambi facenti parte delle cinque piante usate a quei tempi “per la liberazione dalla sofferenza” (A.V. 11.6.15).

Il concetto di bevanda-veleno origina dall’evento mitologico noto come “Frullamento dell’Oceano di Latte”. Avendo gli dei perduto l’amrita, l’elisir dell’immortalità, si allearono temporaneamente con i demoni (i Titani), con lo scopo di estrarla nuovamente dal mare primordiale, concepito come un mare di latte. Dopo aver lavorato all’impresa per mille anni, frullando il mare/latte, da questo emersero numerose entità – fra le quali la dea del loto e la dea del vino (Surya) -; apparve infine Dhanvantari, il medico degli dei, che portava una ciotola di amrita. Dal frullamento dell’Oceano di Latte emerse anche un veleno molto potente, che con i suoi fumi rischiava di paralizzare l’universo. Il dio Shiva allora tenne il veleno nella sua gola, che per questo diventò di colore blu. I demoni cercarono di tenere per se l’amrita, e da qui originò una furiosa battaglia con gli dei del cielo, vinta da questi ultimi.

Nell’interpretazione tantrica, l’amrita prodotta dal frullamento dell’Oceano di Latte è identificata con la Cannabis. Avendo dato la vittoria agli dei, è chiamata vijaya (“vittoria”, nel senso di “bevanda della vittoria”).

Per quanto riguarda la pratica dello yoga, questa non esclude nel suo senso originale l’uso di droghe psicoattive, in particolare la Cannabis, per l’acquisizione dei poteri magici (siddhi). Nel classico testo sullo yoga di Patanjali è riportato che i siddhi possono essere ottenuti alla nascita, oppure con le droghe vegetali (oshadhikrita), o attraverso la pratica dei mantra, o con l’ascetismo o, infine, con la concentrazione.

A differenza di quanto categoricamente negato dai moderni swami (maestri di yoga), che impongono ai discepoli di non usare droghe psicoattive nel corso delle loro pratiche, l’uso di droghe nello yoga è molto antico, considerato storicamente non disdicevole, e si sviluppò appieno nella pratiche yogiche tantriche. Nel Bengala – dove lo yoga tantrico raggiunse il suo culmine – la stessa Cannabis veniva chiamata siddhi.

Lo “yoga del sesso” fiorì nel tardo periodo vedico, parallelamente allo yoga che prevede l’uso di droghe psicoattive (“yoga inebriante”). Il Tantrismo riunisce l’uso cerimoniale della Cannabis e l’impiego consapevole dei “veleni” con lo yoga sessuale in un sistema completo di pratiche per il raggiungimento del mahanirvana (“grande nirvana”).

La pratica tantrica è difficile e pericolosa, poiché prevede la rottura di profondi tabù, quali consumare carne, bere vino e l’incesto, e utilizza cinque elementi essenziali (panchamakara) come mezzi di liberazione, chiamati i “cinque M”, in quanto i loro nomi iniziano tutti con la lettera “m”: liquore di vino (madya), pesce (matsya), carne (mamsa), cereale secco (mudra) e il rapporto sessuale (maithuna). Quando questi elementi sono impiegati realmente, si parla di “pratica della mano sinistra”. Quando sono invece impiegati simbolicamente e sostituiti (come il latte al posto del vino), si parla di “pratica della mano destra”. Il praticante della “mano sinistra” è detto vira, “eroe”.

Per la relazione della Cannabis con tale pratica si veda:

Cannabis e “veleni” nella pratica tantrica sessuale della mano sinistra (R. M. Aldrich)

 

Si vedano anche:

 

ri_bib

ALDRICH R. MICHAEL, 1977, Tantric Cannabis Use in India, Journal of Psychedelic Drugs, vol. 9, pp. 227-233.

BHARATI A., 1970, The Tantric Tradition, Doubleday, Garden City, N.Y.

CAMPBELL M. JAMES, 1893-1894, Note on the religion of Hemp, in: Report of the Indian Hemp Drugs Commission, Bombay.

TOUW MIA, 1981, The Religious and Medicinal Uses of Cannabis in China, India and Tibet, Journal of Psychoactive Drugs, vol. 13, pp. 23-34.

Un Commento

  1. Francesco frateltau
    Pubblicato 5 Ottobre, 2020 alle 7:54 pm | Link Permanente

    Chi ha fumato nel Cilum omprende perché la cannabis indica è chiamata in India BHANG. In realtà quando si accende il Cilum si urla il mantra BHANG S’ANKAR in cui Sankara è uno dei nomi di Siva significante Colui che Pacifica, mentre Bhang deriva dalla parola Bhanga, che rompe che fa scoppiare a sua volta derivati dal vb. Bhan, risuonar, chiamare a raccolta ad alta voce. Così prima appare Bhairava il Terrifico, apertura della mente, poi viene la doce pace, Shanti, con i suoi mondi sognanti.Sempre grazie per questo sito fotmidabile! Appresto Fracesco.

Un Trackback

  1. Scritto da Debby Goldsberry - Cheap-Seeds.NL | Cheap-Seeds.NL il 21 Febbraio, 2013 alle 1:44 am

    […] Cannabis indica-2 Image by Giorgio Samorini Cannabis indica. Veniva utilizzata come afrodisiaco in certi riti tantrici. Si veda: samorini.it/site/antropologia/asia/uso-tantrico-cannabis-… […]

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I Campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

  • Search