Scritti italiani

Messi in linea i seguenti scritti in lingua italiana (ringrazio gli autori per il permesso accordato):

Now on-line the following Italian writings (I thank the authors for the permission):

 

VANNONI GIAN MARIA, 2016, Etnobotanica totemica: Cappuccetto Rosso e amanita muscaria, Quaderni di Semantica, n.s., vol. 2, pp. 219-227.

Rifacendosi agli articoli di Calvetti (1986) e di Toro (2013), l’autore rianalizza la fiaba di Cappuccetto Rosso nelle sue diverse varianti, riproponendo il valore totemico del racconto e l’associazione semantica con l’Amanita muscaria che soggiace al cappuccio rosso portato da Cappuccetto Rosso. Nell’analisi vengono presentati anche diversi nomi popolari italiani con cui sono chiamati i due funghi A. muscaria e A. pantherina.

PREVITALI FRANCESCO, 2015/16, Gerardo Reichel-Dolmatoff: sciamanismo Tukano e tutela degli ecosistemi forestali, Tesi di Laurea in Filosofia, Università degli Studi di Milano.
Una tesi universitaria sull’opera etnografica di Reichel-Dolmatoff sviluppata sui Tukano del Vaupés colombiano, con particolare riferimento alla loro mitologia e all’impiego dello yajé (ayahuasca). Gli ultimi capitoli sono dedicati ai moderni fenomeni della globalizzazione di questa bevanda visionaria, alla “costruzione” occidentale della figura dello sciamano e al “turismo psichedelico”.

SAMORINI GIORGIO, 2017, Odori sensuali: il profumo del frutto della mandragora, Erboristeria Domani, N. 401, pp. 76-83.
Nell’antichità occidentale la mandragora era nota per gli usi e le superstizioni legate alla raccolta del suo rizoma. Nel contesto culturale medio-orientale è invece il frutto ad attrarre, per il suo profumo ammaliante, e per le proprietà stimolanti e inebrianti, al punto da essere un riferimento costante nella rappresentazione pittorica, poetica e religiosa dell’antico Egitto, e nel Levante mediterraneo è sempre il frutto a essere connesso con credenze legate alla procreazione. Nonostante vi sia chi si ciba impunemente dei frutti maturi, la variabilità del suo profilo fitochimico ne deve fare sconsigliare il consumo, come dimostrano diversi casi di intossicazioni.

Questo articolo è stato pubblicato in Novità sul sito
. Aggiungi ai preferiti: link permanente. I trackbacks sono chiusi ma puoi scrivi un commento.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I Campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

  • Search