La leggenda di Shen Nung

The legend of Shen Nung

 

Shen Nung, il “Divino Guaritore”, fu un mitico imperatore della Cina, onorato come inventore dell’aratro e dell’agricoltura, divulgatore delle proprietà curative delle piante, ma soprattutto scopritore del tè. Egli elencò gli usi medicinali del ch’a, il tè, nel Pen ts’ao, datato al 2737 a.C. In Cina è stata tramandata la seguente leggenda:

 

Shen Nung stava seduto all’ombra di un cespuglio per riposare nella calura del giorno. Seguendo una logica tutta sua, decise di rinfrescarsi accendendo un fuoco e facendo bollire un po’ di acqua da bere, un’abitudine ch’egli aveva adottato notando che chi beveva acqua bollita si ammalava meno frequentemente di chi la beveva direttamente dal pozzo. Alimentò il fuoco coi rami di una pianta di tè e una brezza provvidenziale lasciò cadere nella sua ciotola alcune delle sue foglie leggere. Quando Shen Nung ne bevve l’infuso, divenne il primo a godere l’effetto stimolante e il delicato ristoro del tè.

 

Da: M. Toussaint-Samat, 1994, History of Food, Blackwell, Cambridge, p. 605, riportato in: Bennett A. Weinberg & Bonnie K. Bealer, 2002, Caffeina, Donzelli Editore, Roma, p. 49.

 

Si vedano anche:

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I Campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

  • Search