Mito d’origine della cola in Nigeria

Origin myth of the cola from Nigeria

 

Il seguente mito d’origine della cola1 appartiene a un’etnia del ceppo linguistico Edo della Nigeria. In questo racconto, i primi due alberi della noce di cola originano dal’atto di “raccontare storie” da parte di due divinità, un motivo che potrebbe alludere alla loquacità e alla logorroicità che, di frequente, si manifestano come effetti di abbondante uso di cola.

Ototamagmo (il Signore del mondo) e Ototanelimi (il Signore del cielo) s’incontrarono strada facendo, e scambievolmente si chiesero donde venivano e che cosa andavano a fare. Indi si accordarono di incontrarsi di nuovo fra sette giorni per raccontarsi delle storie.

Ototanelimi raccontò la sua storia al terreno, e poi lo coprì (in quel punto) con un guscio di zucca, e Ototanagmo fece altrettanto. Quando tornarono, trovarono due alberi di kola,1 carichi di frutti, e ne raccolsero tanti da riempirne le loro sacche; ne ruppero uno, e lo misero d arrostire sula brace, ma non si cosse; presero una pentola e ve lo misero dentro a bollire, ma dopo essere stato al fuoco tutto il giorno non era ancora cotto. Allora venne Osa (il dio supremo), e con un coltello tagliò la kola, dicendo che tutti l’avrebbero mangiata cruda senza soffrirne. Poi ne diede un pezzo a ciascuno, e depose il resto ai piedi dell’albero. Da quel tempo gli uomini hanno mangiato la kola cruda.

 

Nota

1 I grossi semi (“noci”) dell’albero della cola – botanicamente rappresentata dalle due specie Cola acuminata e Cola nitida – sono dotati di proprietà eccitanti (contengono caffeina) e sono largamente utilizzate in diverse regioni dell’Africa.

Da: PETTAZZONI RAFFAELE, 1963, Miti e leggende, 4 voll., Torino, UTET, vol. I, p. 196.

 

Si vedano anche:

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I Campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

  • Search