Sole e Luna (racconto siona)

Sun and Moon (Siona tale)

 

Il seguente racconto fa parte di un lungo mito cosmogonico dei Siona, una piccola etnia di nativi che vive fra l’Ecuador e la Colombia. Nei tempi mitici, Sole, Luna e le Pleiadi vivevano sulla terra e bevevano yagé (il nome siona dell’ayahuasca). Sole e Luna sono entrambi uomini.

Le Pleiadi erano un gruppo di fratelli più una sorella, e stabilirono il modo con cui i Siona devono bere lo yagé. Il fratello più giovane del gruppo delle Pleiadi si sentì ebbro prima di avere visioni, e partì in un volo sciamanico. Egli cadde dalla sua amaca, vomitò, defecò e sparse le feci sopra alla sua testa, stabilendo la prima fase del bere yagé. Dopo aver appreso a bere yagé, salirono in cielo. La sorella, che rifiutò di bere yagé, rimase indietro, trasformandosi nel vento, o negli alberi, o in una formica, a seconda delle versioni del racconto. Sole e Luna erano sciamani, e anch’essi salirono in cielo.

Per i Siona la prima fase del contatto con lo yagé è rappresentato come “solamente ebbro”, in opposizione al vedere visioni, che subentra in una seconda fase dell’esperienza con la pozione. Per ottenere questa seconda fase, un individuo deve chiedere a uno sciamano di poter vedere ciò ch’egli vede, e questo prepara lo yagé e glielo da da bere.

Suonare il flauto, o suonare il liquido dello yagé come un flauto, è indicazione del fatto che l’individuo si trova nella fase visionaria, e che gli spiriti alleati sono entrati nel suo corpo.

In questo racconto Sole è già diventato giaguaro, cioè sciamano, mentre Luna fatica a diventarlo, essendo fermo alla fase del “solamente ebbro”. Ma sarà Sole ad aiutarlo a diventare anch’esso sciamano.

Luna e Sole vivevano insieme sulla terra. Sole beveva yagé, e anche Luna. Ma Luna si sentiva solo ebbro quando beveva, quindi smise di bere. Luna era un bevitore di yagé, ma non vedeva alcun “disegno”. “Perché lo devo fare, è solamente sgradevole. Lo yagé non mi ha mostrato nessuno di questi disegni”.

All’alba, Luna disse a sua madre che sarebbe andato a lavorare. “Bene, tu sai ciò che fai”, le rispose. Luna lavorò tutto il giorno. Quando tornò a casa, non c’era nulla da mangiare, e andò quindi a pescare. Il giorno seguente fece lo stesso.

Sole era uno sciamano. Era un giaguaro, e beveva yagé, mentre Luna andava nella foresta e cacciava. Sua madre cucinava quello che portava e mangiavano.

Un giorno, alle undici della notte, i canti di Sole svegliarono Luna. Luna ascoltava disteso sulla sua amaca. Disse: “sono un uomo, posso bere lo yagé. Madre, svegliati. Lava la mia zucca per bere l’acqua, la più grande che vedi, con acqua tiepida. Mi metto a bere yagé”.

Essa allora disse: “Bene, questo è ciò che dovresti fare. Sei un uomo cresciuto, e tuttavia vivi come una donna che solo dorme in casa”. Essa si alzò, portò acqua e la riscaldò. Lavò la zucca e la diede a Luna.

Luna andò a casa di Sole e lo salutò: “Sei qui, nonno”, disse Sole.

“Sono qui, entra”.

“Sono venuto a bere yagé. Sta dando buoni visioni lo yagé?”

Luna appese la sua amaca e disse a Sole: “Versa yagé in questa zucca e prepara lo yagé, pensando a tutto quello che vedi”.

Sole gli chiese: “Davvero vuoi bere?”.

“Si”, rispose Luna.

Sole preparò lo yagé, cantando e soffiandovi sopra. Soffiava sopra allo yagé come un flauto, e poi chiamò Luna e glielo diede da bere. Luna bevve e si mise sulla sua amaca.

Nel giro di alcuni minuti lo yagé giunse da lui. Gridò: “Sto morendo!” Vomitò e cadde al suolo. Perdette i sensi. Rotolò e rotolò, poi si alzò, corse qua e la, e in questo momento iniziò a suonare il flauto. Uscì dalla casa e suonò il flauto. Dopo un certo tempo tornò e chiese nuovamente da bere. Sole preparò altro yagé e glielo diede da bere. Luna bevve e cantò canzoni yagé fuori dalla casa yagé fino all’alba.

Disse a Sole che aveva appreso più di quello che Sole sapeva. Dopodiché essi bevvero insieme. Entrambi erano sciamani (Langdon, 1996, pp. 67-8).

 

LANGDON E. JEAN, 1996, ¿Mueren en realidad los chamanes?: narraciones de los Siona sobre chamanes, Alteridades, vol. 6, pp. 61-75.

 

Si vedano anche:

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I Campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

  • Search