Scritti di Giorgio Samorini

Writings by Giorgio Samorini

 

Libri in lingua italiana / Italian books

juremaSamorini G., 2016, Jurema, la pianta della visione. Dai culti del Brasile alla Psiconautica di frontiera, Shake Edizioni, Milano, 190 pp. [ISBN 9788897109433]

 

samorini-mitologiaSamorini G., 2016, Mitologia delle piante inebrianti, Edizioni Studio Tesi, Roma, 196 pp. [ISBN 9788876926112]

 

samorini-animali2Samorini G., 2013, Animali che si drogano, Edizione totalmente riveduta e aggiornata, Shake Edizioni, Milano, 176 pp. [ISBN 9788897109303]

 

samorini-tribaliSamorini G., 2012, Droghe tribali, Shake Edizioni, Milano, 112 pp. [ISBN-13 9788897109266]

 

samorini-fallSamorini G., 2001, Funghi allucinogeni. Studi etnomicologici, Telesterion, Dozza BO, 250 pp. [ISBN 88-87999-01-5]

 

samorini-animaliSamorini G., 2000, Animali che si drogano, Telesterion, Vicenza, 112 pp. [ISBN 88-87999-00-7]

 

samorini-bibliografiaSamorini G., 1998, Allucinogeni, empatogeni, cannabis. Bibliografia italiana commentata, Grafton, Bologna, 168 pp.

 

samorini-ketaminaRollo Simone & G. Samorini, 1998, Ketamina. Il fattore K della psichedelia, Grafton Edizioni, Bologna, 48 pp.

 

samorini amanitaSamorini G. (cur.), 1998, Amanita muscaria, Nautilus, Torino, 62 pp.

 

samorini-erba

Samorini G., 1996, L’erba di Carlo Erba. Per una storia della canapa indiana in Italia (1845-1948), Nautilus, Torino, 170 pp.

 

samorini mitiSamorini G., 1995, Gli allucinogeni nel mito. Racconti sull’origine delle piante psicoattive, Nautilus, Torino, 172 pp.

 

 

Libri in lingue straniere / Non-Italian books

rauschSamorini G., 2016, Rausch und Mythos. Die Entdeckung der psychoaktiven Pflanzen, Nachtschatten Verlag, Solothurn, CH, 230 pp. [ISBN 9783037883990]

 

samorini-animales

Samorini G., 2003, Animales que se drogan, Cañamo, Barcelona, 78 p. [ISBN 84-931026-6-0]

 

samorini-animalsSamorini G., 2002, Animals and Drugs. The Natural World and the Instinct to Alter Consciousness, Park Street, Rochester, Vermount, 100 pp. [ISBN 0-89284-986-3]

 

samorini-liebestolleSamorini G., 2002, Liebestolle Katzen und berasuchte Kühe. Vom Drogenkonsum der Tiere, AT Verlag, Aarau, 120 pp. [ISBN 3-85502-770-6]

 

samorini-alucinogenosSamorini G., 2001, Los alucinogenos en el mito. Relatos sobre el origen de las plantas psicoactivas, La Liebre de Marzo, Barcellona, 178 pp. [ISBN 84-87403-55-7]

 

samorini-halluzinogeneSamorini G., 1998, Halluzinogene in Mythos. Von Ursprung psychoaktiver Pflanze, Nachtschatten, Solothurn (Svizzera), 216 pp. [ISBN 3-907080-31-9]

 

 

 

Scritti di etnobotanica /Writings on ehtnobotany

Samorini G., 2017, Odori sensuali: il profumo del frutto della mandragora, Erboristeria Domani, N. 401, pp. 76-83.

Samorini G., 2016, La pianta di Bes: Peganum harmala, Erboristeria Domani, N. 398, pp. 72-81.

Samorini G., 2016, L’Uomo-Bevanda. L’origine delle bevande fermentate insalivate, Erboristeria Domani, N. 397, pp. 70-77.

Samorini G., 2016, Ninfee inebrianti, Erboristeria Domani, N. 395, pp. 60-70.

Samorini G., 2015, Etnobotanica della zizzania, Erboristeria Domani, N. 392, pp. 54-59.

Samorini G., 2015, Mieli inebrianti, Erboristeria Domani, N. 390, pp. 56-61.

Samorini G., 2012, Il pulque delle popolazioni messicane. Dalle origini ai periodi coloniali, Triana Ediciones, Sevilla.

Samorini G., 2006, Lattuga e lattucario. Storia di equivoci ed enigmi insoluti, Erboristeria Domani, n. 299, gennaio, pp. 49-55.

Festi F. & G. Samorini, 2004, Scheda Psicoattiva XVI: Lactuca L. (lattuga) / Psychoactive Card XVI: Lactuca L. (lettuce), Eleusis, vol. 8, pp. 85-112.

Festi F. & G. Samorini, 1999, Scheda Psicoattiva X. Passiflora L. / Psychoactive Card X. Passiflora L., Eleusis, n.s., vol. 2, pp. 70-81.

Samorini G. & F. Festi, 1999, Piante psicoattive usate tradizionalmente in Madagascar / Psychoactive plants traditionally used in Madagascar, Eleusis, n.s., vol. 2, pp. 90-92.

F. Festi & G. Samorini, 1999, Convolvulaceae europee / European Convolvulaceae, Eleusis, n.s., vol. 3, pp. 89-99.

Samorini G., 1998, Gli allucinogeni nel mito. Mandragora, in: E. Zolla (cur.), Il dio dell’ebbrezza. Antologia dei moderni Dionisiaci, Torino, Einaudi, pp. 357-361.

Festi F. & G. Samorini, 1997, Scheda Psicoattiva VII: Tribulus terrestris L. (tribolo) / Psychoactive Card VII: Tribulus terrestris L. (caltrop), Eleusis, N. 7, pp. 24-32.
.
Samorini G., 1997, Ierobotanica mesopotamica, Altrove, vol. 4, pp. 13-28.

Samorini G., 1996, Un ciceone africano? / An African Kykeon?, Eleusis, n. 4, pp. 40-41

Festi F. & G. Samorini, 1996, Scheda Psicoattiva VI – Ledum palustre L. / Psychoactive Card VI – Ledum palustre L., Eleusis, n. 6, pp. 31-39.

Samorini G. & F. Festi, 1995, Acorus calamus L. (Calamo aromatico), Eleusis, n. 1, pp. 33-36.

Festi F. & G. Samorini, 1995, Scheda Psicoattiva II – Carpobrotus edulis (L.) N.E. Brown in Phillips / Psychoactive Card II – Carpobrotus edulis (L.) N.E. Brown in Phillips, Eleusis, n. 2, pp. 28-34.

Festi F. & G. Samorini, 1994, Alcaloidi indolici psicoattivi nei generi Phalaris e Arundo (Graminaceae): una rassegna, Annali Museo Civico Rovereto, vol. 9, pp. 239-287.

Samorini G., 1994, Ruta siriaca (Peganum harmala L.), Bollettino S.I.S.S.C., n. 8, pp. 7-13. Ripubblicato in SISSC, Percorsi psichedelici. Articoli scelti dal Bollettino SISSC, Grafton Edizioni, Bologna, pp. 67-77.

Bianchi A. & G. Samorini, 1993, Plants in Association with Ayahuasca, Jahrbuch für Ethnomedizine, vol. 2, pp. 21-42.

 

Scritti di antropologia ed etnografia / Writings on anthropology and ethnography

Samorini G., 2005, Buiti: religião enteogênica africana, in: Labate, Beatriz C. e Goulart, Sandra L. (orgs.), O uso ritual das plantas de poder, Mercado de Letras, Campinas, pp. 301-329.

Samorini G., 2002-2003, Il culto degli antenati Byeri e la pianta psicoattiva alan (Alchornea floribunda) fra i Fang dell’Africa Equatoriale Occidentale / The ancestor cult Byeri and the psychoactive plant alan (Alchornea floribunda) among the Fang of Western Equatorial Africa, Eleusis, n.s., vol. 6/7, pp. 29-55.

Samorini G., 1998, Adamo, Eva e l’iboga, in: E. Zolla (cur.), Il dio dell’ebbrezza. Antologia dei moderni Dionisiaci, Torino, Einaudi, pp. 349-356.

Samorini G., 1997-98, The Initiation Rite in the Bwiti Religion (Ndea Narizanga Sect, Gabon), Jahrbuch für Ethnomedizine, vol. 6-7, pp. 39-55.

Samorini G., 1997, Una bibliografia commentata sulla religione Buiti / An annotated bibliography on Bwiti religion, Eleusis, vol. 7, pp. 3-16.

Samorini G., 1996, Adam, Eva e iboga: mi experiencia con los Bwitis del Gabόn, Takiwasi, vol. 4, pp. 62-75.

Samorini G., 1995, The Buiti religion and the psychoactive plant Tabernanthe iboga (Equatorial Africa), Integration, vol. 5, pp. 105-114.

Samorini G., 1994, La religión Buiti y la planta psicoactiva Tabernanthe iboga, Africa Ecuatorial, in: J.M. Fericgla (cur.), Plantas, Chamanismo y Estados de Consciencia, Barcellona, Los Libros de la Liebre de Marzo, pp. 174-195.

Samorini G., 1994, L’iniziazione alla religione Buiti, Metapsichica, vol. 44, pp. 19-25.

Samorini G., 1993, L’utilizzo degli allucinogeni per scopi religiosi, Altrove, vol. 1, pp. 19-28.

Samorini G., 1993, Adam, Eve and Iboga, Integration, vol. 4, pp. 4-10.

 

Scritti di archeoetnobotanica / Writings on archaeoethnobotany

Samorini G., 2017, Las fechas más antiguas de la relación humana con las drogas, Cultura y Droga, vol. 21, pp. 91-113.

Samorini G., 2017, La “donna-alambicco” e altri distillatori arcaici, Erboristeria Domani, N. 400, pp. 76-85.

Samorini G., 2016 (2014), Aspectos y problemas de la arqueología de las drogas sudamericanas, ponencia presentada al VIII Congreso Colombiano de Botánica, Universidad de Caldas, Manizales, 2-6 agosto 2015, Cultura y Droga, vol. 19(21), pp. 13-34.

Samorini G., 2016, Il problema della distinzione fra melagrana e papavero nelle antiche iconografie mediterranee e mediorientali, Archivi di Studi Indo-Mediterranei, vol. 6, pp. 1-25.

Samorini G., 2016, Origini italiane dell’oppio?, Erboristeria Domani, N. 396, pp. 70-76.

Samorini G., 2012-13, Le ninfee degli antichi Egizi – un contributo etnobotanico, Archeologia Africana, Centro Studi Archeologia Africana, Museo Civico di Milano, vol. 18-19, pp. 71-78.

Samorini G., 2003-04, Il dio egiziano Min e la lattuga. Un contributo etnobotanico a un enigma dell’egittologia, Archeologia Africana, Centro Studi Archeologia Africana, Museo Civico di Milano, vol. 9-10, pp. 73-84.

Samorini G., 1995, Sequenze lineari di punti nell’arte rupestre. Un approccio semiotico mediante psicogrammi e ideogrammi, Bollettino Camuno Studi Preistorici, vol. 28, pp. 97-101.

 

Scritti sui funghi psicoattivi / Writings on psychoactive mushrooms

Samorini G., 2002, Funghi psicoattivi dell’arco alpino, Erboristeria Domani, n. 265(12), pp. 48-57.

Samorini G., 1999, Fly Agaric, Flies, and Toads: A New Hypothesis, The Entheogen Review, vol. 8(3), pp. 85-89.

Festi F. & G. Samorini, 1999, Claviceps paspali and the Eleusinian kykeon: a correction, The Entheogen Review, vol. 8(3), pp. 96-97.

Samorini G., 1997, Scheda Psicoattiva VIII: Aspergillus fumigatus Fres. g. / Psychoactive Card VIII, Aspergillus fumigatus Fres. g., Eleusis, N. 8, pp. 38-43.

Gartz Jochen, G. Samorini & Francesco Festi, 1996, Sul presunto caso francese di fatalità per ingestione di funghetti / On the presumed fatality caused by ingestion of Liberty Caps in France, Eleusis, N. 6, pp. 3-13.

Samorini G., 1993, Funghi allucinogeni italiani, in Atti II Convegno Nazionale Avvelenamenti da Funghi, Rovereto 3-4 aprile 1992, Annali Museo Civico Rovereto, Suppl. vol. 8, pp. 125-149.

Samorini G. & F. Festi, 1989, Le micotossicosi psicotrope volontarie in Europa: osservazioni sui casi clinici, in Atti I Convegno Nazionale sugli Avvelenamenti da Funghi, Rovereto 22-23 Ottobre 1988, Annali Museo Civico Rovereto, Suppl. vol. 4, pp. 251-257.

Samorini G., 1989, Sullo stato attuale della conoscenza dei Basidiomiceti psicotropi italiani, Annali Museo Civico Rovereto, vol. 5, pp. 167-184.

Samorini G., 1988, Sulla presenza di funghi e piante allucinogene in Valcamonica, Bollettino Camuno Studi Preistorici, vol. 24, pp. 132-6.

Samorini G., 1987, Lista delle piante ospiti del genere Claviceps, inedito, 19 pp.

Samorini G., 1986, Microorganismi producenti micotossine indoliche – una bibliografia, inedito, 15 pp.

Gitti Salvatore, G. Samorini, Guido Baldelli, Claudio Belletti, Claudio Molinari, 1983, Contributo alla conoscenza della micoflora psicotropa del territorio bresciano, Annali Museo Civico Storia Naturale Brescia (Natura Bresciana), vol. 20, pp. 125-130.

 

Scritti di etnomicologia / Writings on ethnomycology

Samorini G., 2012, Mushroom effigies in world archaeology: from rock art to mushroom-stones, in: Proceedings of the Conference “The stone mushrooms of Thrace”, 28-30 October 2011, Greek Open University, Alexandroupolis, pp. 16-42.

Samorini G., 2008, L’uso di sostanze psicoattive nei Misteri Eleusini, in: F. D’Andria et al. (Eds.), Uomini, piante e animali nella dimensione del sacro, Seminario di Studi di Bioarcheologia, 28-29 giugno 2002, CNR e Università del Salento, Edipuglia, Bari, pp. 217-233.

Samorini G., 2005, Funghi psicoattivi italiani: aggiornamenti / Italian psychoactive mushrooms: an up-to-date, Eleusis, n.s., vol. 9, pp. 71-83.

Samorini G., 2002, Nuove frontiere dell’etnomicologia, in: Atti del 2° Convegno Internazionale di Micotossicologia, Viterbo, 6-7 Dicembre 2001, Università della Tuscia, Pagine di Micologia, vol. 17, pp. 155-162 + 239-242.

Samorini G., 2002, A contribution to the ethnomycology and ethnobotany of Alpine psychoactive vegetals, Acta Phytotherapeutica, 3° s., vol. 2, pp. 59-65.

Samorini G., 2001, New Data from the Ethnomycology of Psychoactive Mushrooms, International Journal of Medicinal Mushrooms, vol. 3, pp. 257-278.

Samorini G., 2000, Un contributo alla discussione dell’etnobotanica dei Misteri Eleusini / A contribution to the discussione on the ethnobotany of the Eleusinian Mysteries, Eleusis, n.s., vol.- 4, pp. 3-53.

Samorini G., 1999, Nuevas fronteras de la etnomicologia, in: J.M. Fericgla (cur.), Los enteogenos y la ciencia, Barcellona, Los Libros de la Liebre de Marzo, pp. 49-80.

Samorini G., 1998, Gli alberi-fungo nell’arte cristiana / The mushroom-trees in Christian art, Eleusis, n.s., vol. 1, pp. 87-108.

Samorini G., 1998, Further Considerations on the Mushroom Effigy of Mount Bego, The Entheogen Review, vol. 7(2), pp. 35-36.

Samorini G., 1998, The Pharsalus Bas-Relief and the Eleusinian Mysteries, The Entheogen Review, vol. 7(2), pp. 60-63.

Samorini G., 1997, L’albero-fungo di Plaincourault / The mushroom-tree of Plaincourault, Eleusis, N. 8, pp. 29-37.

Samorini G., 1996, Un singolare documento storico inerente l’agarico muscario / A peculiar historical document about Fly Agaric, Eleusis, N. 4, pp. 3-16.

Samorini G. & G. Camilla, 1995, Rappresentazioni fungine nell’arte greca, Annali Museo Civico Rovereto, vol. 10, pp. 307-326.

Samorini G., 1995, Kuda-kallu: umbrella-stones or mushroom-stones? (Kerala, Southern India), Integration, vol. 6, pp. 33-40.

Samorini G., 1995, Uso tradizionale di funghi psicoattivi in Costa d’Avorio? / Traditional use of psychoactive mushrooms in Ivory Coast?, Eleusis, N. 1, pp. 22-27.

Samorini G., 1994, Un’intossicazione con Amanita pantherina e i segreti di S. Caterina da Genova, Bollettino S.I.S.S.C., n. 7:, pp. 13-15.

Samorini G., 1994, Funghi psicotropi: aggiornamenti corologici, biochimici ed etnomicologici, Bollettino d’Informazione SISSC, n. 6, pp. 7-12.

Samorini G., 1992, The oldest representations of hallucinogenic mushrooms in the world (Sahara Desert, 9000-7000 BP), Integration, vol. 2/3, pp. 69-78.

Samorini G., 1992, Neurotossicologia delle graminacee e dei loro patogeni vegetali. Un’introduzione, Annali Museo Civico Rovereto, vol. 7, pp. 253-264.

Samorini G., 1992, Champignons hallucinogènes du Sahara préhistorique, Bullettin de l’Aemba (Entrevaux, Francia), vol. 24, pp. 7-12.

Samorini G., 1990, Sciamanesimo, funghi psicotropi e stati alterati di coscienza: un rapporto da chiarire, Bollettino Camuno Studi Preistorici, vol. 25/26, pp. 147-150.

Samorini G., 1989, Etnomicologia nell’arte rupestre sahariana (Periodo delle “Teste Rotonde”), Bollettino Camuno Notizie, vol. 6(2), pp. 18-22.

 

 

Scritti vari / Various writings

D’Arienzo Adriana & G. Samorini, 2016, Ayahuasca, beta-carboline, e le nuove frontiere terapeutiche, Erboristeria Domani, N. 399, pp. 72-81.

Samorini G., 2006, Smart-drug e smart-shop in Italia, Medicina delle Tossicodipendenze, vol. 14(50), pp. 47-53.

Samorini G., 2006, Droghe nuove e nuovissime: un breve excursus, in: R.M. Pavarin & V. Albertazzi, Uso e abuso di sostanze, Carocci, Roma, pp. 87-112 + 213-216.

Festi F. & G. Samorini, 2004, “Ayahuasca-Like” Effects Obtained with Italian Plants, in: Actas II Congreso Internacional para el Estudio de los Estados Modificados de la Consciencia, Lleida, octubre 1994, Instituto de Prospectiva Antropológica, Barcelona, pp. 62-71.

Samorini G., 1996, Colliri visionari / Visonary Eye-drops, Eleusis, N. 5, pp. 27-32.

Samorini G., 1995, Paolo Mantegazza (1831-1910): pioniere italiano degli studi sulle droghe / Paolo Mantegazza (1831-1910), Italian pioneering in the studies on drugs, Eleusis, vol. 2, pp. 14-20.

Samorini G., 1995, Bibliografia ragionata sull’MDMA, in: E. Saunders, E come Ecstasy, Milano, Feltrinelli, pp. 189-201.

 

Si veda anche:

 

11 Commenti

  1. Marco
    Pubblicato giugno 18, 2011 alle 4:50 pm | Link Permanente

    Buongiorno,
    qui c’è poco da commentare.
    Chi è interessato a questo tipo di conoscenze, non può far altro che ringraziarla per l’eccezionale lavoro da lei svolto, soprattutto considerando in che paese di ottusi ci troviamo,
    Quando dico interesse, mi riferisco ad un interesse che riguarda soltanto l’utilizzo sciamanico degli enteogeni e non certo l’utilizzo per scopi ricreativi o di sballo.
    Non so se questo sia il posto adatto per fare delle domande e ricevere risposte, ma io ci provo comunque.
    Vorrei chiedere un suo parere su un argomento e mi auguro che non sia una richiesta stupida.
    So che in molti paesi del mondo ci sono persone che coltivano in casa i funghi psilocibinici, utilizzando spore discendenti, per esempio, dai famosi Teonanacatl di Maria Sabina.
    Volevo sapere se, secondo lei, anche i funghi coltivati possono essere utilizzati per scopi religiosi, oppure hanno perso il valore spirituale di quelli che creati da Madre Natura.
    Io credo che ci sia comunque bisogno dell’aiuto di Madre Natura e che senza la sua energia vitale gli esseri umani non sarebbero in grado di far crescere un bel niente, ma l’ambiente in cui crescono quelli coltivati è diverso da quello in cui crescono quelli selvatici ed è questo che mi crea qualche dubbio.
    Se ho sbagliato le chiedo scusa e la ringrazio.
    Le auguro tutto il bene possibile.

  2. Pubblicato giugno 18, 2011 alle 9:49 pm | Link Permanente

    Direi che una questione di base sia cosa ognuno intende per Madre Natura e fin dove uno vuol farlo intendere. Se si considerano anche l’uomo e i suoi prodotti come appartenenti a Madre Natura, allora pure i funghi psilocibinici di coltivazione, ma anche i composti chimici quali l’LSD, possono portare interessanti contributi di consapevolezza per chi sia in grado di esperirli.

  3. Yuri
    Pubblicato giugno 23, 2011 alle 1:14 am | Link Permanente

    Scusa … ma non manca “RIFLESSIONI LISERGICHE” del 1981 ?
    Non era presente neppure nella biografia italiana “ALLUCINOGENI EMPATOGENI CANNABIS”.
    Se la domanda è impertinente, elimina tranquillamente il commento.

  4. Pubblicato giugno 23, 2011 alle 8:02 am | Link Permanente

    In questa bibliografia vi sono solamente gli scritti dal taglio scientifico. Considero “Riflessioni lisergiche” un testo giovanile, forse troppo giovanile e comunque non di taglio scientifico

  5. Alessandro Mascetti
    Pubblicato novembre 6, 2011 alle 1:46 am | Link Permanente

    salve,mi complimento con lei per questo libbro illuminante,aimè perduto,volevo chiedere come posso comprarlo online grazie e ancora…bravo!

  6. sandrino marra
    Pubblicato febbraio 21, 2014 alle 4:46 pm | Link Permanente

    Gentile Samorini, nel 2008 ho trattato una tesi sulle teste rotonde o meglio sull’arte rupestre delle teste rotonde, analizzando in particolare una serie di figure che sembravano nate da una forma allucinatoria. Lo spunto era nato da una mia esperienza lavorativa tra psichiatria e sale operatorie sugli stati allucinatori indotti da psicofarmaci e barbiturici. L’approfondimento l’ho trattato con una sua bibliografia sulle teste rotonde. Insomma quella idea e gli spunti offerti dal suo studio mi fecero guadagnare 9 punti sulla discussione della tesi(di vecchio ordinamento) per una tesi non sperimentale. L’università è quella di Roma La Sapienza la tesi in etnografia preistorica dell’Africa. grazie ancora per la bibliografia che ho usato e per i molteplici spunti, riflessioni e domande che quel meteriale mi ha portato ad elaborare. Cordialmente Sandrino Marra

  7. Pubblicato febbraio 21, 2014 alle 7:13 pm | Link Permanente

    Sono lieto che il mio lavoro possa esserle risultato utile. Lo scopo principale di questo sito è proprio quello di offrire materiale che possa risultare utile per i ricercatori di diverse discipline.

  8. michele
    Pubblicato settembre 4, 2014 alle 4:57 pm | Link Permanente

    io, settantenne, medico, psicoanalista, avulso da ogni “parrocchia”, mi sono felicemente imbattuto in questo interessantissimo sito.

  9. Silvano Colombo
    Pubblicato agosto 16, 2015 alle 5:44 am | Link Permanente

    Io,psicologo di formazione Junghiana,omeopata,spagirico,navigato viaggiatore delle Indie, ti ho scoperto quasi per caso su FB,luogo che non amo, i miei più vivi complimenti per la accuratezza e profondità “olistica” della tua ricerca,spero in un futuro incontro. Ad maiora!
    Silvano

  10. Ilde Piccioli
    Pubblicato maggio 13, 2016 alle 7:42 pm | Link Permanente

    Grazie sincero per questa ottima fonte di informazioni condivisa così generosamente!!!
    mi occupo di piante medicinali e le amo sperimentare. Spero un giorno di poterla conoscere di persona. Grazie ancora Ilde Piccioli

  11. francesca
    Pubblicato luglio 24, 2016 alle 2:38 pm | Link Permanente

    Mah…. volevo fare solo un oleolito di iperico che mi hanno portata quì , incantata da queste ricerche ho scaricato il testo di Marco Margnelli, Gente di Dio. Grazie.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I Campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

  • Search